Tappe sviluppo psicomotorio a 1 mese

28th Lug 2014
Tappe sviluppo neonato primo mese

Tappe sviluppo neonato primo mese

Qui sotto sono schematizzate le principali tappe di sviluppo psicomotorio al primo mese di vita.

E’ fondamentale ricordare che esiste una notevole variabilità individuale e che pertanto i mesi relativi alle varie tappe sono solo indicativi.
Per ipotizzare un eventuale ritardo nello sviluppo neuropsicomotorio, non deve essere stato raggiunto un numero elevato delle tappe indicate per il mese/anno specifico. In tal caso va effettuata una valutazione da parte di un Neuropsichiatra infantile.

 

  • In posizione supina tiene la testa girata di lato; il braccio verso cui è girata la testa esteso e abdotto (lontano dal tronco), la gamba dello stesso lato estesa. Il bracco e la gamba del lato opposto sono flesse (il cosiddetto “Riflesso tonico asimmetrico del collo”)
  • In posizione prona gira la testa immediatamente di lato e cerca di sollevarla, le gambe e le braccia vengono flesse, le natiche lievemente solevate
  • Gira la testa e gli occhi verso una fonte di luce diffusa
  • Segue brevemente con lo sguardo un fascio di luce  a 15-30 cm di distanza. Chiude le palpebre, se gli viene puntato il fascio di luce sugli occhi
  • Fissa con lo sguardo un giocattolo colorato che viene avvicinato e allontanato dal suo volto
  • Osserva il volto della mamma che lo allatta
  • Quando spaventato dai rumori improvvisi si irrigidisce, estende gli arti, allarga a ventaglio le dita delle mani e dei piedi, trema, strizza gli occhi e talvolta piange
  • Al suono di una campanella rimane immobile, come in ascolto e talvolta gira la testa verso la campanella
  • Ha il riflesso di ammiccamento: se gli si avvicina un oggetto agli occhi chiude le palpebre
  • Se tranquillizzato da una voce familiare, si calma
  • Si rilassa con alcuni suoni forti e prolungati (aspirapolvere, phon, ventola delle cappe da cucina): gli ricordano i rumori nella pancia della mamma prodotti dall’Arteria ombelicale e dall’intestino e dal respiro della mamma.
  • Produce suoni gutturali di soddisfacimento
  • Produce dei suoni tipo il tubare dei colombi e muove le labbra e la lingua (movimenti “prelinguistici”) quando chi si prende cura di lui gli parla
  • Piange intensamente se affamato  o non sta bene
  • Mostra a 5-6 settimane il sorriso “sociale” in risposta al sorriso e alle parole di chi si occupa di lui
  • Mantiene ancora le mani  prevalentemente chiuse. Quando sono aperte, afferra un dito che gli tocca la mano (riflesso  palmare)
Dott.ssa Beatrice Dugandzija

Dott.ssa Beatrice Dugandzija

Laureata in Medicina, specializzata in Neuropsichiatria dell'Infanzia e della Adolescenza, si occupa della diagnosi e terapia dei maggiori disagi infantili e adolescenziali nel proprio studio di Milano.
Per contatti e informazioni: 348 9842 542
Dott.ssa Beatrice Dugandzija

Ti potrebbe anche interessare...close